Dante, Francesco e Giotto