Valutazioni mendaci e false comunicazioni sociali: la Cassazione si ricrede, e fa bene!