Sulla crisi della ragione cartografica del cinema