Intellettuali senza popolo. Leggendo «Scrittori e massa» di Alberto Asor Rosa