L’opera d’arte si apre: una nota su corpo e performatività nelle azioni di Gina Pane