Il «ribellismo per amore» di Emiliano Rinaldini, «Emi»: la moralità di una scelta