"C'è poco da ridere". L'eredità di Eduardo