Nei primi trent'anni del Novecento Bologna era una delle capitali italiane del restauro architettonico grazie all'opera di Alfonso Rubbiani prima e Guido Zucchini poi. In quell'epoca felice ai tenti restauri ancora oggi dibattuti si aggiunsero iniziative scientifiche ed espositive che favorirono la scoperta di capolavori dell'arte pittorica italiana e l'avvio di filoni di studio nel campo della pittura italiana ancora oggi oggetto di interesse e di indagini internazionali.

Ciancabilla, L., La cultura della conservazione a Bologna tra ripristini e mostre d’arte nei primi decenni del Novecento, <<PROPORZIONI>>, 2004; V (1): 147-183 [http://hdl.handle.net/10807/76257]

La cultura della conservazione a Bologna tra ripristini e mostre d’arte nei primi decenni del Novecento

Ciancabilla, Luca
2004

Abstract

Nei primi trent'anni del Novecento Bologna era una delle capitali italiane del restauro architettonico grazie all'opera di Alfonso Rubbiani prima e Guido Zucchini poi. In quell'epoca felice ai tenti restauri ancora oggi dibattuti si aggiunsero iniziative scientifiche ed espositive che favorirono la scoperta di capolavori dell'arte pittorica italiana e l'avvio di filoni di studio nel campo della pittura italiana ancora oggi oggetto di interesse e di indagini internazionali.
Italiano
Ciancabilla, L., La cultura della conservazione a Bologna tra ripristini e mostre d’arte nei primi decenni del Novecento, <<PROPORZIONI>>, 2004; V (1): 147-183 [http://hdl.handle.net/10807/76257]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/76257
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact