Macchinisti, fonici, producer, assistenti di varia natura, amministratori, videomaker, uomini di marketing, impiegati, scrittori freelance: sono figure che lavorano nell’industria dei media ma che di solito restano completamente invisibili ai lettori, agli spettatori, agli utenti. Professionisti che costituiscono la spina dorsale della produzione mediale, ma vivono e rimangono nel backstage, il settore non esposto al pubblico in cui si prepara per andare “in scena” o “in onda”. Questo libro vuole aprire la “scatola nera” dei media e rivelarne appunto il backstage, la “cucina” dove si preparano i prodotti mediali parte del nostro quotidiano. I contenuti e gli immaginari proposti dai mezzi di comunicazione italiani – dalla televisione alla radio, dall’intrattenimento al giornalismo, dall’editoria al videogioco e ai social – sono infatti sempre il risultato di scelte, decisioni, pratiche produttive, organizzazioni e attività molteplici, da indagare per meglio comprenderne l’impatto e il valore. Attraverso una serie di saggi dedicati a una varietà di media, di metodi e di oggetti di studio, il libro si occupa per la prima volta in modo compiuto della produzione mediale italiana e delle modalità con cui si può studiare, articolando le radici del campo di studi, le sue prospettive contemporanee e le direzioni di ricerca ancora aperte.

Barra, L., Bonini, T., Splendore, S. (eds.), Backstage. Studi sulla produzione dei media in Italia, UNICOPLI, Milano 2016: 182 [http://hdl.handle.net/10807/75763]

Backstage. Studi sulla produzione dei media in Italia

Barra
Primo
;
2016

Abstract

Macchinisti, fonici, producer, assistenti di varia natura, amministratori, videomaker, uomini di marketing, impiegati, scrittori freelance: sono figure che lavorano nell’industria dei media ma che di solito restano completamente invisibili ai lettori, agli spettatori, agli utenti. Professionisti che costituiscono la spina dorsale della produzione mediale, ma vivono e rimangono nel backstage, il settore non esposto al pubblico in cui si prepara per andare “in scena” o “in onda”. Questo libro vuole aprire la “scatola nera” dei media e rivelarne appunto il backstage, la “cucina” dove si preparano i prodotti mediali parte del nostro quotidiano. I contenuti e gli immaginari proposti dai mezzi di comunicazione italiani – dalla televisione alla radio, dall’intrattenimento al giornalismo, dall’editoria al videogioco e ai social – sono infatti sempre il risultato di scelte, decisioni, pratiche produttive, organizzazioni e attività molteplici, da indagare per meglio comprenderne l’impatto e il valore. Attraverso una serie di saggi dedicati a una varietà di media, di metodi e di oggetti di studio, il libro si occupa per la prima volta in modo compiuto della produzione mediale italiana e delle modalità con cui si può studiare, articolando le radici del campo di studi, le sue prospettive contemporanee e le direzioni di ricerca ancora aperte.
Italiano
Barra, Luca; Bonini, Tiziano; Splendore, Sergio
978-8840018713
UNICOPLI
Barra, L., Bonini, T., Splendore, S. (eds.), Backstage. Studi sulla produzione dei media in Italia, UNICOPLI, Milano 2016: 182 [http://hdl.handle.net/10807/75763]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/75763
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact