Nella sentenza in commento la Corte di cassazione afferma che anche il medico di famiglia è responsabile del rilascio del porto d’armi al paziente affetto da turbe psichiche, se omette di annotare il disturbo mentale del paziente nel certificato anamnestico preliminare agli accertamenti di idoneità effettuati da parte dei competenti medici della ASL.

Di Lello Finuoli, M., Nota a CASSAZIONE PENALE, Sez. IV, 27 aprile 2015 - 26 maggio 2015, n. 22041, <<RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE E DEL DIRITTO IN CAMPO SANITARIO>>, 2015; (3): 1174-1185 [http://hdl.handle.net/10807/72324]

Nota a CASSAZIONE PENALE, Sez. IV, 27 aprile 2015 - 26 maggio 2015, n. 22041

Di Lello Finuoli, Marina
2015

Abstract

Nella sentenza in commento la Corte di cassazione afferma che anche il medico di famiglia è responsabile del rilascio del porto d’armi al paziente affetto da turbe psichiche, se omette di annotare il disturbo mentale del paziente nel certificato anamnestico preliminare agli accertamenti di idoneità effettuati da parte dei competenti medici della ASL.
Italiano
Di Lello Finuoli, M., Nota a CASSAZIONE PENALE, Sez. IV, 27 aprile 2015 - 26 maggio 2015, n. 22041, <<RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE E DEL DIRITTO IN CAMPO SANITARIO>>, 2015; (3): 1174-1185 [http://hdl.handle.net/10807/72324]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/72324
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact