Lo spazio didattico plurale: la complessità come risorsa