Vasilij Grossman e la verità della guerra