Eccellenze produttive e maestrie artigianali: gli esordi italiani alle esposizioni universali