Un apparente epilogo della guerra tra ricambisti indipendenti e case automobilistiche