North-Eastern Piedmont: “hinge” region or territorial platform in the European urban system? – The study of intermediate urban systems as a widespread phenomenon that contributes to the shaping of megalopolis has received relatively little critical attention in Italy so far. Likewise, the analysis of the mutual relationships between intermediate urban systems and their core needs to be tackled with new perspectives: in fact, the “core-periphery” pattern does not work as a useful model to read a complex phenomenon marked only in part by “a certain level of functional autonomy”, balance, and stability. On the contrary, tensions, localism, and conflicts underlie intermediate urban systems. The aim of the present work is to study the intermediate urban system of Italian Northeastern Piedmont, a region that used to connect the metropolitan areas of Milan and Turin and has recently entered transcalar dynamics which are redrawing its position in Europe as well as new patterns of territorial decomposition and recomposition.

In Italia l’analisi dei diffusi sistemi urbani intermedi che concorrono a formare la megalopoli e quella sulle loro relazioni reciproche e con il centro principale è stata poco indagata. Il modello “centroperiferia” mal si presta a leggere un fenomeno articolato, solo in parte caratterizzato da “un certo grado di autonomia funzionale”, equilibrio e stabilità e invece ricco di tensioni, localismi e conflitti. Il presente lavoro propone l’analisi del sistema urbano intermedio del Piemonte nordorientale, tradizionalmente “cerniera” tra le aree metropolitane di Milano e Torino, che sottoposto ai cambiamenti degli ultimi decenni e coinvolto dalle più recenti logiche transcalari che ne ridisegnano la sua posizione in Europa, avvia nuovi percorsi di scomposizione e ricomposizione territoriale.

Molinari, P., Gavinelli, D., IL PIEMONTE NORDORIENTALE: AREA “CERNIERA”O PIATTAFORMA TERRITORIALE NEL SISTEMAURBANO EUROPEO?, <<RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA>>, 2015; 122 (4): 489-502 [http://hdl.handle.net/10807/69825]

IL PIEMONTE NORDORIENTALE: AREA “CERNIERA” O PIATTAFORMA TERRITORIALE NEL SISTEMA URBANO EUROPEO?

Molinari, Paolo;
2015

Abstract

In Italia l’analisi dei diffusi sistemi urbani intermedi che concorrono a formare la megalopoli e quella sulle loro relazioni reciproche e con il centro principale è stata poco indagata. Il modello “centroperiferia” mal si presta a leggere un fenomeno articolato, solo in parte caratterizzato da “un certo grado di autonomia funzionale”, equilibrio e stabilità e invece ricco di tensioni, localismi e conflitti. Il presente lavoro propone l’analisi del sistema urbano intermedio del Piemonte nordorientale, tradizionalmente “cerniera” tra le aree metropolitane di Milano e Torino, che sottoposto ai cambiamenti degli ultimi decenni e coinvolto dalle più recenti logiche transcalari che ne ridisegnano la sua posizione in Europa, avvia nuovi percorsi di scomposizione e ricomposizione territoriale.
ita
http://www.rivistageograficaitaliana.it/italiano/risultato_ricerca.php?t=anno&anno=2015&fascicolo=122|4|173
Molinari, P., Gavinelli, D., IL PIEMONTE NORDORIENTALE: AREA “CERNIERA”O PIATTAFORMA TERRITORIALE NEL SISTEMAURBANO EUROPEO?, <>, 2015; 122 (4): 489-502 [http://hdl.handle.net/10807/69825]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/69825
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact