Oltre il ‘feticismo del codice’: per quale visione dell’identità e della cittadinanza?