«Cosa dovrebbero fare i giovani (e anche i vecchi) ciclisti italiani in caso di guerra vera»: velocipedismo, “sport del turismo” e Corpo Volontari Ciclisti Automobilisti