Il nuovo 'Peter': a proposito dei Fragments of the Roman Historians