Verifichiamo l’efficacia della tutela dei risparmiatori che acquistano obbligazioni bancarie non strutturate attraverso l’osservazione (in periodi caratterizzati da diversa regolamentazione) di un elementare indicatore di convenienza: lo spread dichiarato dalla banca emittente rispetto a un titolo di Stato di pari durata. I risultati sono sorprendenti: pur esponendo i risparmiatori a un rischio superiore, le obbligazioni bancarie hanno offerto un rendimento inferiore di 22 basis points. Tale anomalia era inizialmente assai più grave (66 basis points); dopo il varo dell’obbligo di prospetto lo spread – sempre negativo – subisce una prima erosione, fino a 40 basis points; il differenziale è più basso per le obbligazioni emesse dopo il recepimento della Direttiva MIFID (9 basis points), ma anche in tempi recenti continuano a sussistere zone d’ombra. Il cammino non è terminato, come dimostra la persistenza di spread negativi e l’ampliarsi del differenziale tra classi di banche, soprattutto con riferimento ad alcuni tipi di obbligazioni (segnatamente le step up). La morale non è nuova: migliori regole sono utili, il loro enforcement sarebbe ancor più utile.

Belcredi, M., Croci, E., Del Giudice, A., Il silenzio degli agnelli. Risparmiatori e obbligazioni bancarie in Italia, <<MERCATO CONCORRENZA REGOLE>>, 2011; 13 (1): 91-114 [http://hdl.handle.net/10807/69437]

Il silenzio degli agnelli. Risparmiatori e obbligazioni bancarie in Italia

Belcredi, Massimo;Croci, Ettore;Del Giudice, Alfonso
2011

Abstract

Verifichiamo l’efficacia della tutela dei risparmiatori che acquistano obbligazioni bancarie non strutturate attraverso l’osservazione (in periodi caratterizzati da diversa regolamentazione) di un elementare indicatore di convenienza: lo spread dichiarato dalla banca emittente rispetto a un titolo di Stato di pari durata. I risultati sono sorprendenti: pur esponendo i risparmiatori a un rischio superiore, le obbligazioni bancarie hanno offerto un rendimento inferiore di 22 basis points. Tale anomalia era inizialmente assai più grave (66 basis points); dopo il varo dell’obbligo di prospetto lo spread – sempre negativo – subisce una prima erosione, fino a 40 basis points; il differenziale è più basso per le obbligazioni emesse dopo il recepimento della Direttiva MIFID (9 basis points), ma anche in tempi recenti continuano a sussistere zone d’ombra. Il cammino non è terminato, come dimostra la persistenza di spread negativi e l’ampliarsi del differenziale tra classi di banche, soprattutto con riferimento ad alcuni tipi di obbligazioni (segnatamente le step up). La morale non è nuova: migliori regole sono utili, il loro enforcement sarebbe ancor più utile.
Italiano
Belcredi, M., Croci, E., Del Giudice, A., Il silenzio degli agnelli. Risparmiatori e obbligazioni bancarie in Italia, <<MERCATO CONCORRENZA REGOLE>>, 2011; 13 (1): 91-114 [http://hdl.handle.net/10807/69437]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/69437
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact