Diritti fondamentali e dialogo tra le Corti: fantascienza giuridica?