Il virtuale fra gloria e vanagloria