Il Chinese Classification of Mental Disorders (CCMD) rappresenta una proposta nosografica ben strutturata, compatibile e comparabile con i DSM e ICD di matrice psichiatrica occidentale. La malattia mentale e il disagio psichico sono configurazioni sintomatiche che assumono senso all’interno di una cultura specifica. Ciò spiega l’inclusione nel CCMD di alcuni disturbi originali o desueti, che trovano una loro giustificazione nel contesto sociale cinese. Tale contesto è caratterizzato da una particolare concezione del mondo e dei rapporti sociali, originati dalla dottrina etico-morale di Confucio. La sintesi del pensiero confuciano – secondo la quale l’uomo può realizzare se stesso e i suoi valori solo nella società – presenta evidenti ed interessanti analogie con il pensiero adleriano. Il punto di intersezione fondamentale è il concetto di sentimento sociale, attraverso il quale Adler fornisce una chiave di lettura della dinamica psicopatologica sottesa ai ruoli sociali degli individui. Una dinamica necessariamente olistica che lega indissolubilmente l’uomo e il suo equilibrio mentale alla società, e rende ragione dell’attualità e crossculturalità del pensiero adleriano.

Milani, L., Affilastro, A., CCMD-III e pensiero nosografico cinese: intersezioni con la psicologia individuale, <<DIALOGHI ADLERIANI>>, 2015; (3): 17-49 [http://hdl.handle.net/10807/68297]

CCMD-III e pensiero nosografico cinese: intersezioni con la psicologia individuale

Milani, Luca;Affilastro, Achille
2015

Abstract

Il Chinese Classification of Mental Disorders (CCMD) rappresenta una proposta nosografica ben strutturata, compatibile e comparabile con i DSM e ICD di matrice psichiatrica occidentale. La malattia mentale e il disagio psichico sono configurazioni sintomatiche che assumono senso all’interno di una cultura specifica. Ciò spiega l’inclusione nel CCMD di alcuni disturbi originali o desueti, che trovano una loro giustificazione nel contesto sociale cinese. Tale contesto è caratterizzato da una particolare concezione del mondo e dei rapporti sociali, originati dalla dottrina etico-morale di Confucio. La sintesi del pensiero confuciano – secondo la quale l’uomo può realizzare se stesso e i suoi valori solo nella società – presenta evidenti ed interessanti analogie con il pensiero adleriano. Il punto di intersezione fondamentale è il concetto di sentimento sociale, attraverso il quale Adler fornisce una chiave di lettura della dinamica psicopatologica sottesa ai ruoli sociali degli individui. Una dinamica necessariamente olistica che lega indissolubilmente l’uomo e il suo equilibrio mentale alla società, e rende ragione dell’attualità e crossculturalità del pensiero adleriano.
Italiano
Milani, L., Affilastro, A., CCMD-III e pensiero nosografico cinese: intersezioni con la psicologia individuale, <<DIALOGHI ADLERIANI>>, 2015; (3): 17-49 [http://hdl.handle.net/10807/68297]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/68297
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact