«Evanescenti fantasmi». Archeologia della televisione italiana