The artificial decorum disguised as the “social conditioning” of San Carlo that was so perceptible in Milan was systematically circumvented by the most important chapels (not only in North Italy) through concepts of rhetorical design through concepts of rhetorical design aimed at the persuasion of the faithful—a persuasion that often is defined by the theatricalization of the ecclesiastical space. The “concerti,” in particular, far more than seeking to intensify the religious experience, acquire a peculiar autonomy that comes to enslave worship. Inevitably, that which was conceived as a means (music as stimulation of devotion) becomes the end.

L’artificioso decoro, sotteso al ‘disciplinamento sociale’ di San Carlo, così avvertito a Milano, viene sistematicamente eluso dalle più importanti cappelle (non solo del Nord Italia), sulla base di concezioni che rivelano un progetto retorico finalizzato alla persuasione dei fedeli. Una persuasione che spesso è determinata dalla teatralizzazione dello spazio ecclesiale . In particolare, i ‘concerti’, più che mirare all’intensificazione dell’esperienza religiosa, acquistano una propria autonomia giungendo ad asservire il culto.Inevitabilmente, ciò che era stato concepito come mezzo (la musica come “eccitazione della devozione”) si tramuta in fine.

Padoan, M., Oltre il disciplinamento normativo. La musicasacra nell’Italia padana in età post-tridentina, Contributed paper, in Norma del clero, speranza del gregge. L’opera riformatrice di san Carlo tra centro e periferia della diocesi di Milano, (Milano, Angera, 21-22 May 2010), Magazzeno storico verbanese-La Compagnia de’ Bindoni, Germignaga (VA) 2015: 189-217 [http://hdl.handle.net/10807/67689]

Oltre il disciplinamento normativo. La musica sacra nell’Italia padana in età post-tridentina

Padoan, Maurizio
2015

Abstract

L’artificioso decoro, sotteso al ‘disciplinamento sociale’ di San Carlo, così avvertito a Milano, viene sistematicamente eluso dalle più importanti cappelle (non solo del Nord Italia), sulla base di concezioni che rivelano un progetto retorico finalizzato alla persuasione dei fedeli. Una persuasione che spesso è determinata dalla teatralizzazione dello spazio ecclesiale . In particolare, i ‘concerti’, più che mirare all’intensificazione dell’esperienza religiosa, acquistano una propria autonomia giungendo ad asservire il culto.Inevitabilmente, ciò che era stato concepito come mezzo (la musica come “eccitazione della devozione”) si tramuta in fine.
Italiano
Norma del clero, speranza del gregge. L’opera riformatrice di san Carlo tra centro e periferia della diocesi di Milano
L’opera riformatrice di San Carlo Convegno internazionale di studi a Milano e alla Rocca d’Angera
Milano, Angera
Contributed paper
21-mag-2010
22-mag-2010
978-88-98306-08-4
Padoan, M., Oltre il disciplinamento normativo. La musicasacra nell’Italia padana in età post-tridentina, Contributed paper, in Norma del clero, speranza del gregge. L’opera riformatrice di san Carlo tra centro e periferia della diocesi di Milano, (Milano, Angera, 21-22 May 2010), Magazzeno storico verbanese-La Compagnia de’ Bindoni, Germignaga (VA) 2015: 189-217 [http://hdl.handle.net/10807/67689]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/67689
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact