Per una antropologia inattuale. Recensione al testo di F. Remotti