Ossezia del Sud, il grimaldello caucasico di Putin