Fideiussione e contratto autonomo di garanzia: tertium non datur