Tra doppia oscurità e doppia nascita: il destino del legame adottivo