"S'arresti al suon di mia stanca favella". Gaspara Stampa e la parola poetica