Lo scritto esamina una linea evolutiva di grande interesse emersa nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo e, parallelamente, nella giurisprudenza costituzionale italiana in tema di sanzioni penali accessorie. La Corte europea è stata chiamata di recente a pronunciarsi sulla normativa penale della Romania, che prevedeva un automatismo sanzionatorio per il genitore condannato per maltrattamenti nei confronti del figlio minore: la perdita della potestà genitoriale (parental rights). Analogo automatismo è giunto all’attenzione della Corte costituzionale italiana, in riferimento alla fattispecie di reato di alterazione di stato mediante falsità. Il contributo evidenzia la profonda similitudine, sul piano argomentativo, delle decisioni delle due Corti che, con percorsi motivazionali autonomi e facendo applicazione di riferimenti normativi differenti (art. 8 CEDU; artt. 3 e 30 Cost.), sono pervenute al medesimo esito: la dichiarazione di non ragionevolezza dell’automatismo sanzionatorio della decadenza dalla potestà (ora responsabilità) genitoriale, che non consente al giudice di merito di valutare, nel caso concreto, se la misura in questione corrisponda effettivamente al migliore interesse del minore coinvolto

Ferla, L., La pena accessoria della decadenza dai parental rights e la Corte EDU. Riflessioni a partire dal caso M.D. and Others v. Malta, <<DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO>>, 2013; (4/2013): 186-204 [http://hdl.handle.net/10807/66606]

La pena accessoria della decadenza dai parental rights e la Corte EDU. Riflessioni a partire dal caso M.D. and Others v. Malta

Ferla, Lara
2013

Abstract

Lo scritto esamina una linea evolutiva di grande interesse emersa nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo e, parallelamente, nella giurisprudenza costituzionale italiana in tema di sanzioni penali accessorie. La Corte europea è stata chiamata di recente a pronunciarsi sulla normativa penale della Romania, che prevedeva un automatismo sanzionatorio per il genitore condannato per maltrattamenti nei confronti del figlio minore: la perdita della potestà genitoriale (parental rights). Analogo automatismo è giunto all’attenzione della Corte costituzionale italiana, in riferimento alla fattispecie di reato di alterazione di stato mediante falsità. Il contributo evidenzia la profonda similitudine, sul piano argomentativo, delle decisioni delle due Corti che, con percorsi motivazionali autonomi e facendo applicazione di riferimenti normativi differenti (art. 8 CEDU; artt. 3 e 30 Cost.), sono pervenute al medesimo esito: la dichiarazione di non ragionevolezza dell’automatismo sanzionatorio della decadenza dalla potestà (ora responsabilità) genitoriale, che non consente al giudice di merito di valutare, nel caso concreto, se la misura in questione corrisponda effettivamente al migliore interesse del minore coinvolto
Italiano
Ferla, L., La pena accessoria della decadenza dai parental rights e la Corte EDU. Riflessioni a partire dal caso M.D. and Others v. Malta, <<DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO>>, 2013; (4/2013): 186-204 [http://hdl.handle.net/10807/66606]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/66606
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact