In caring professions, team work is considered pivotal for an effective and efficient practice. The group can be intended as a milieu that empowers each member, bringing him/her to higher achievements. It expands one’s own subjectivity that, intercepting and combining tacitly with others’ subjectivity, leads to a plural identity. Reserving a specific attention to the inter-professional group is therefore considered not only functional to a more effective practice, but, more fundamentally, a right (both of patients and healthcare professionals) to work more properly, with evident implications primarily from the ethical/human perspective in addition to the practical/professional one.

Nelle professioni di cura molta parte dell’attività lavorativa vede nel gruppo di lavoro un riferimento imprescindibile per l’operatività e l’efficienza di ogni suo membro. Il gruppo può configurarsi infatti come un terreno di coltura che alimenta il potenziale di ognuno portandolo a realizzazione. Costituisce un’estensione della propria soggettività che, intercettando e combinandosi tacitamente con quella altrui, dà vita ad un’identità plurale. Riservare un’attenzione specifica al gruppo di lavoro costituisce pertanto non solo un utile supporto alla funzionalità operativa, ma più radicalmente un diritto (dei pazienti, ma anche degli operatori, per poter lavorare serenamente), con evidenti implicazioni etiche umane prima ancora che pratico-professionali.

Musi, E., Prendersi cura di chi si prende cura. Il gruppo come risorsa, <<ENCYCLOPAIDEIA>>, 2014; 2014 (39): 83-94. [doi:10.6092] [http://hdl.handle.net/10807/66087]

Prendersi cura di chi si prende cura. Il gruppo come risorsa

Musi, Elisabetta
2014

Abstract

Nelle professioni di cura molta parte dell’attività lavorativa vede nel gruppo di lavoro un riferimento imprescindibile per l’operatività e l’efficienza di ogni suo membro. Il gruppo può configurarsi infatti come un terreno di coltura che alimenta il potenziale di ognuno portandolo a realizzazione. Costituisce un’estensione della propria soggettività che, intercettando e combinandosi tacitamente con quella altrui, dà vita ad un’identità plurale. Riservare un’attenzione specifica al gruppo di lavoro costituisce pertanto non solo un utile supporto alla funzionalità operativa, ma più radicalmente un diritto (dei pazienti, ma anche degli operatori, per poter lavorare serenamente), con evidenti implicazioni etiche umane prima ancora che pratico-professionali.
Italiano
Musi, E., Prendersi cura di chi si prende cura. Il gruppo come risorsa, <<ENCYCLOPAIDEIA>>, 2014; 2014 (39): 83-94. [doi:10.6092] [http://hdl.handle.net/10807/66087]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/66087
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact