L’educazione “possibile” dentro la crisi