«Sotto ristretta legge ragionato abbiamo». Èthos e nòmos nel «Decameron»