"Io" & l'altro, da Ricoeur a Weil