UNA NOTA SULLA FORTUNA EDITORIALE DI EVGENIJ BORATYNSKIJ