Le misure adottate dall’Unione Europea a partire dal 2010 per fronteggiare la crisi economico-finanziaria hanno ridisegnato il rapporto tra livelli di governo in ordine alla finanza pubblica, superando l’architettura ordinamentale che ha caratterizzato l’integrazione europea a partire dal trattato di Roma. Non si è, infatti, trattato di un “trasferimento di competenze”, nel senso di allocare l’esercizio della sovranità statale a livello sovranazionale, quanto piuttosto di un nuovo ordine giuridico che poggia sul primato dei parametri contabili elaborati in sede europea rispetto alle scelte di politica economico-finanziaria degli Stati e sulla sorveglianza ex ante delle politiche di bilancio in base ai parametri stessi. Tutto ciò, per altro, non ha mancato di incidere sull’identità delle sfere statuali, trasformando i sistemi costituzionali nazionali e finendo per coinvolgere anche i principi e i diritti sostanziali. Il contributo muovendo dalla ricostruzione degli interventi europei in materia di vincoli di bilancio e dal recepimento del Fiscal Compact a livello costituzionale, analizza le ripercussioni sulla tenuta dello Stato sociale e sul principio di sussidiarietà, con l’obiettivo di verificare se c’è ancora spazio per scelte politiche nazionali che possano condurre nell’Unione europea a considerare la dimensione sociale dell’economia, a valutare che la materia economica non è un campo di azione in sé conchiuso e autonomo, ma è strettamente legato alla materia sociale e ai diritti.

Caldirola, D., WELFARE STATE TRA SOVRANITÀ E VINCOLI DI BILANCIO: RICADUTE SUL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ, <<FEDERALISMI.IT>>, 2014; 2014 (Novembre): 1-35 [https://hdl.handle.net/10807/65424]

WELFARE STATE TRA SOVRANITÀ E VINCOLI DI BILANCIO: RICADUTE SUL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ

Caldirola, Debora
2014

Abstract

Le misure adottate dall’Unione Europea a partire dal 2010 per fronteggiare la crisi economico-finanziaria hanno ridisegnato il rapporto tra livelli di governo in ordine alla finanza pubblica, superando l’architettura ordinamentale che ha caratterizzato l’integrazione europea a partire dal trattato di Roma. Non si è, infatti, trattato di un “trasferimento di competenze”, nel senso di allocare l’esercizio della sovranità statale a livello sovranazionale, quanto piuttosto di un nuovo ordine giuridico che poggia sul primato dei parametri contabili elaborati in sede europea rispetto alle scelte di politica economico-finanziaria degli Stati e sulla sorveglianza ex ante delle politiche di bilancio in base ai parametri stessi. Tutto ciò, per altro, non ha mancato di incidere sull’identità delle sfere statuali, trasformando i sistemi costituzionali nazionali e finendo per coinvolgere anche i principi e i diritti sostanziali. Il contributo muovendo dalla ricostruzione degli interventi europei in materia di vincoli di bilancio e dal recepimento del Fiscal Compact a livello costituzionale, analizza le ripercussioni sulla tenuta dello Stato sociale e sul principio di sussidiarietà, con l’obiettivo di verificare se c’è ancora spazio per scelte politiche nazionali che possano condurre nell’Unione europea a considerare la dimensione sociale dell’economia, a valutare che la materia economica non è un campo di azione in sé conchiuso e autonomo, ma è strettamente legato alla materia sociale e ai diritti.
Italiano
Articolo sottoposto a referaggio. Il saggio è stato elaborato nell’ambito della linea di ricerca di particolare interesse per l’Ateneo (linea D.3.2. riferita all’anno 2009 - Università Cattolica del Sacro Cuore) dal titolo «Stato e mercato: governo dell’economia, crisi della sovranità e tutela dei diritti».
Caldirola, D., WELFARE STATE TRA SOVRANITÀ E VINCOLI DI BILANCIO: RICADUTE SUL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ, <<FEDERALISMI.IT>>, 2014; 2014 (Novembre): 1-35 [https://hdl.handle.net/10807/65424]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/65424
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact