La tradizione illuministica aveva consolidato in Occidente il metodo del dibattito delle idee e la maturazione di un consenso sintesi dei vari contributi. Con l’affermarsi delle democrazie di popolo tale metodo non è più percorribile e di conseguenza sono subentrate forme indirette di formazione del consenso quali la delega ai poteri totalitari, fonte di consenso forzoso; o con riferimento generico al popolo un consenso immediato interpretato da qualche leader carismatico; infine la mediazione democratica della delega. I fautori del web ritengono possibile il ritorno alla consultazione diretta e continua attraverso la rete. Si arriva però a riproporre in una società complessa la democrazia diretta possibile solo nei piccoli gruppi, con il rischio che il pensiero di alcuni sia presentato come il pensiero di tutti, scavalcando poi lo stesso atto fondativo della democrazia, in cui ci si trova a vivere. Riappare così nella formazione del consenso la centralità della relazione che si serve dei mezzi e non viceversa.

Colombo, F., Il consenso nell'era informatica, in Aa.Vv, A., La democrazia nell'era informatica, EDIZIONI REZZARA, Vicenza 2015: 23-28 [http://hdl.handle.net/10807/65328]

Il consenso nell'era informatica

Colombo, Fausto
2015

Abstract

La tradizione illuministica aveva consolidato in Occidente il metodo del dibattito delle idee e la maturazione di un consenso sintesi dei vari contributi. Con l’affermarsi delle democrazie di popolo tale metodo non è più percorribile e di conseguenza sono subentrate forme indirette di formazione del consenso quali la delega ai poteri totalitari, fonte di consenso forzoso; o con riferimento generico al popolo un consenso immediato interpretato da qualche leader carismatico; infine la mediazione democratica della delega. I fautori del web ritengono possibile il ritorno alla consultazione diretta e continua attraverso la rete. Si arriva però a riproporre in una società complessa la democrazia diretta possibile solo nei piccoli gruppi, con il rischio che il pensiero di alcuni sia presentato come il pensiero di tutti, scavalcando poi lo stesso atto fondativo della democrazia, in cui ci si trova a vivere. Riappare così nella formazione del consenso la centralità della relazione che si serve dei mezzi e non viceversa.
Italiano
978-88-6599-024-7
Colombo, F., Il consenso nell'era informatica, in Aa.Vv, A., La democrazia nell'era informatica, EDIZIONI REZZARA, Vicenza 2015: 23-28 [http://hdl.handle.net/10807/65328]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/65328
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact