Felicità degli antichi e dei moderni. Note tra Lucrezio e MacIntyre