Del classico, del contemporaneo e del futuribile: collaborazione o batracomiomachia?