Chi ha speso la vita nel sostenersi-sostenere sicurezza e agi, con un conseguente riconoscimento sociale più ancora che economico, può sentirsi precipitare in un buio senza fondo quando questa immagine si spezza. Siamo abituati a identificare immaginario con effimero, ma sappiamo bene – con Mc Luhan – che non c’è niente di più erroneo: non è per caso che siamo preda del quarto e ben di più del quinto potere, i media appunto? E tuttavia, non è questo livello a rendere particolare l’impressionante catena di suicidi legata al lavoro imprenditoriale, tale da interrogare profondamente chi opera in una clinica orientata nei “legami sociali”. Non si tratta infatti di trovar senso clinico alla scelta suicidaria... La sua ricorrenza in questo periodo induce riflessioni intorno a punti identificatori che sono di più lunga gittata. Nella luce sinistra di questi mesi, sembra entrar in gioco qualcosa che è stato poco messo a fuoco dalla cultura classica della clinica, che deve qui far valere non una dimensione cosiddetta intrapsichica, ma il suo strutturale radicarsi in una logica di legame

Maiocchi, M. T., Lavorare stanca? Ai caduti sul (non) lavoro., <<NUOVA SECONDARIA>>, 2012; 10 (Ottobre): 21-23 [http://hdl.handle.net/10807/62327]

Lavorare stanca? Ai caduti sul (non) lavoro.

Maiocchi, Maria Teresa
2012

Abstract

Chi ha speso la vita nel sostenersi-sostenere sicurezza e agi, con un conseguente riconoscimento sociale più ancora che economico, può sentirsi precipitare in un buio senza fondo quando questa immagine si spezza. Siamo abituati a identificare immaginario con effimero, ma sappiamo bene – con Mc Luhan – che non c’è niente di più erroneo: non è per caso che siamo preda del quarto e ben di più del quinto potere, i media appunto? E tuttavia, non è questo livello a rendere particolare l’impressionante catena di suicidi legata al lavoro imprenditoriale, tale da interrogare profondamente chi opera in una clinica orientata nei “legami sociali”. Non si tratta infatti di trovar senso clinico alla scelta suicidaria... La sua ricorrenza in questo periodo induce riflessioni intorno a punti identificatori che sono di più lunga gittata. Nella luce sinistra di questi mesi, sembra entrar in gioco qualcosa che è stato poco messo a fuoco dalla cultura classica della clinica, che deve qui far valere non una dimensione cosiddetta intrapsichica, ma il suo strutturale radicarsi in una logica di legame
Italiano
Maiocchi, M. T., Lavorare stanca? Ai caduti sul (non) lavoro., <<NUOVA SECONDARIA>>, 2012; 10 (Ottobre): 21-23 [http://hdl.handle.net/10807/62327]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/62327
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact