Due casi concreti di retorica progressiva nella comunicazione pro-life