Storia dell'urbanistica di Brescia. Dopo il secondo sviluppo della città nella prima metà del Duecento, il potere politico gestito dal vescovo Berardo Maggi, decise nell'anno 1300 di distruggere un monastero femminile benedettino, addossato ai palazzi del Comune, per creare una piazza vuota e impedire che dal cenobio si potesse scagliare frecce e armi contro le sale del palazzo pubblico edificato alla fine del Duecento dal presule. A creare la piazza furono podestà fiorentini, negli stessi anni che a Firenze agivano, per la creazione della piazza della Signoria, dei podestà bresciani.

Andenna, G., La signoria del vescovo Berardo Maggi e la creazione della piazza del potere. Brescia tra XIII e XIV secolo., <<STORIA DELL'URBANISTICA>>, 2002; Veneto II (N/A): 182-191 [http://hdl.handle.net/10807/58033]

La signoria del vescovo Berardo Maggi e la creazione della piazza del potere. Brescia tra XIII e XIV secolo.

Andenna, Giancarlo
2002

Abstract

Storia dell'urbanistica di Brescia. Dopo il secondo sviluppo della città nella prima metà del Duecento, il potere politico gestito dal vescovo Berardo Maggi, decise nell'anno 1300 di distruggere un monastero femminile benedettino, addossato ai palazzi del Comune, per creare una piazza vuota e impedire che dal cenobio si potesse scagliare frecce e armi contro le sale del palazzo pubblico edificato alla fine del Duecento dal presule. A creare la piazza furono podestà fiorentini, negli stessi anni che a Firenze agivano, per la creazione della piazza della Signoria, dei podestà bresciani.
Italiano
Andenna, G., La signoria del vescovo Berardo Maggi e la creazione della piazza del potere. Brescia tra XIII e XIV secolo., <<STORIA DELL'URBANISTICA>>, 2002; Veneto II (N/A): 182-191 [http://hdl.handle.net/10807/58033]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/58033
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact