Una nota sul decreto 56/2000 e sulla perequazione prossima ventura