La metafisica di trascendenza come saturazione dell'orizzonte fenomenologico