Un incunabolo raffaellesco di Francesco Prata