Gli insetticidi neonicotinoidi sono un componente essenziale delle strategie di difesa contro Myzus persicae, una specie chiave per i pescheti italiani e per molte colture erbacee. Il lavoro evidenzia la situazione attuale della diffusione in Emilia-Romagna delle principali mutazioni “target site” responsabili della resistenza a neonicotinoidi, piretroidi e dimetilcarbammati. La resistenza target-site ai neonicotinoidi è molto diffusa negli afidi raccolti nei pescheti, ma è stata trovata anche in afidi raccolti da colture erbacee evidenziando la possibilità che gli afidi resistenti, migrando sugli ospiti secondari, possono influenzare le strategie di difesa fitosanitaria. Le mutazioni L1014F (kdr) e M918T (s-kdr) nella sequenza del canale del sodio sono presenti nella quasi totalità delle popolazioni. La presenza di acetilcolinesterasi insensibile ai dimetilcarbammati è stata individuata in meno del 25% dei casi analizzati. Questi dati descrivono una situazione preoccupante che deve essere controllata per evitare trattamenti inefficaci e per fornire informazioni utili alla definizione di opportune strategie antiresistenza.

Panini, M., Dradi, D., Marani, G., Butturini, A., Anaclerio, M., Puggioni, V., Mazzoni, E., Monitoraggio dei meccanismi di resistenza a neonicotinoidi e piretroidi nell’afide verde del pesco in Emilia Romagna (2012-13), Comunicazione, in Atti delle Giornate Fitopatologiche, (Chianciano Terme, 18-21 March 2014), Clueb, Bologna 2014: 83-88 [http://hdl.handle.net/10807/56547]

Monitoraggio dei meccanismi di resistenza a neonicotinoidi e piretroidi nell’afide verde del pesco in Emilia Romagna (2012-13)

Panini, Michela;Butturini, Alda;Anaclerio, Matteo;Puggioni, Vincenzo;Mazzoni, Emanuele
2014

Abstract

Gli insetticidi neonicotinoidi sono un componente essenziale delle strategie di difesa contro Myzus persicae, una specie chiave per i pescheti italiani e per molte colture erbacee. Il lavoro evidenzia la situazione attuale della diffusione in Emilia-Romagna delle principali mutazioni “target site” responsabili della resistenza a neonicotinoidi, piretroidi e dimetilcarbammati. La resistenza target-site ai neonicotinoidi è molto diffusa negli afidi raccolti nei pescheti, ma è stata trovata anche in afidi raccolti da colture erbacee evidenziando la possibilità che gli afidi resistenti, migrando sugli ospiti secondari, possono influenzare le strategie di difesa fitosanitaria. Le mutazioni L1014F (kdr) e M918T (s-kdr) nella sequenza del canale del sodio sono presenti nella quasi totalità delle popolazioni. La presenza di acetilcolinesterasi insensibile ai dimetilcarbammati è stata individuata in meno del 25% dei casi analizzati. Questi dati descrivono una situazione preoccupante che deve essere controllata per evitare trattamenti inefficaci e per fornire informazioni utili alla definizione di opportune strategie antiresistenza.
Italiano
Atti delle Giornate Fitopatologiche
Giornate Fitopatologiche 2014
Chianciano Terme
Comunicazione
18-mar-2014
21-mar-2014
978-88-491-3874-0
Panini, M., Dradi, D., Marani, G., Butturini, A., Anaclerio, M., Puggioni, V., Mazzoni, E., Monitoraggio dei meccanismi di resistenza a neonicotinoidi e piretroidi nell’afide verde del pesco in Emilia Romagna (2012-13), Comunicazione, in Atti delle Giornate Fitopatologiche, (Chianciano Terme, 18-21 March 2014), Clueb, Bologna 2014: 83-88 [http://hdl.handle.net/10807/56547]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/56547
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact