«L'illustre malato». Il personaggio sveviano e il Petrarca di De Sanctis