Contro la «magia» dell'intelligenza collettiva