Il solipsismo della libertà. Da Musil a Weininger