I cani-filosofi e l'animalità del conoscere. Nota su Platone, Repubblica 375a-376c